Vuoi liberarti dalla confusione
e produrre qualcosa di buono?

Ritrova lo slancio e la voglia di vivere anche se fino ad oggi sei stato “uno specialista” nel complicare inutilmente le cose, arrivare in ritardo, e procedere infelice senza una meta (mentre fai finta che tutto sia a posto, ma ti rodi dentro)

Chi non ha mai vissuto
situazioni come queste?

Enzo dice che bisogna “tagliare i rami secchi”: prende un foglio, elenca tutte le cose da fare, si sente euforico mentre scrive, per 10 minuti sta bene. Poi mette il foglio da parte e continua a fare la solita routine. Le cose da fare? Presto dimenticate. E il foglio viene buttato via.

Anna lavora controvoglia: l’unico motivo è lo stipendio. Basso. Bassissimo. Ma senza quel lavoro, crede di non avere alternative. Non si può permettere la disoccupazione. Però, presa com’è, non ha tempo, voglia, ed energia, per cercare un altro lavoro. Incastrata in un circolo vizioso.

Andrea ha una piccola azienda. Le cose gli vanno bene, nel senso che lavorando 14 ore al giorno 7 giorni su 7 riesce a coprire le spese. Sa che non può reggere con quel ritmo. Ma non ha la minima idea di come possa condurre una routine diversa: non prova nemmeno a pensarla.

Monica è piena di idee e di talenti: canta, dipinge, ama fotografare. Ma non sa vendere, anzi: l’idea di proporsi al mercato le sembra un’offesa per la sua creatività. Così fa la cassiera in un supermercato. Ha pure una laurea in filosofia. Si sente una contraddizione totale. E soffre per questo.

Tante storie, tanti problemi,
una sola radice

Le storie di Enzo (cose da fare), Anna (lavora controvoglia), Andrea (incasinato 14 ore al giorno), Monica (tante idee, pochi soldi), sono ESEMPI TIPICI di come molti di noi sono dei “maestri” nel buttare via qualità, risorse, e tempo, per anni, senza concludere nulla, in uno stato di perenne ANSIA e INSODDISFAZIONE.

Anche se le storie sono diverse, tutte, in comune, hanno la stessa radice: MANCA UNA VISIONE.

Manca UNA META.

Perché fanno quel che fanno? Non lo sanno.

C’è chi si trova, sin dall’infanzia, lanciato nella corsa per inserirsi nella routine: a scuola impari subito che devi passare gli esami. Non sai perché. Non sai a cosa servono. Ma devi. E poi via così, per tutto il resto della vita.. Esami, dopo esami, dopo esami.

Ad un certo punto ti trovi adulto, con debiti, una famiglia da mantenere, una routine che ti pesa, e non sai spiegarti come sei finito lì.

Vorresti uscirne, ma… non sai nemmeno da che parte iniziare.

Perché?

Perché manca una visione. Una meta.

Il solito problema che si ripropone
(ma che non vedi)

Enzo (quello delle liste di cose da fare) continua a sognarsi efficiente: è giusto essere ambiziosi, ma se non crei spazio e tempo per le alternative, non realizzi nulla di nuovo. I soliti metodi portano i soliti risultati. Occorre pensare in modo diverso. Pensare è gratis. Ma Enzo non lo fa.

Il problema di Enzo è che non coltiva una visione. A lui sembra che scrivere una lista di cose da fare sia come farle. No. Quelle sono intenzioni. Le intenzioni non bastano. Bisogna organizzarsi, creare spazio, creare tempo, e agire.

Anna (quella che lavora controvoglia) non ha una meta: sa di essere infelice, ma non SPIEGA A SÉ STESSA che cosa significa, per lei, essere felice. Non sa dove andare. Ecco perché non ci va.

Andrea (quello che lavora 14 ore al giorno) ha perso di vista la meta. Una volta credeva nella sua impresa. Poi si è lasciato sopraffare dalla routine. Il problema? Non aveva (e non ha) una meta evidente, chiara, che gli ricorda qual è la direzione e per che cosa gli conviene impegnarsi.

Monica (la creativa squattrinata) non ha una meta nemmeno lei: le piace vagamente usare i suoi talenti, ma non ha definito il suo stile di vita. Non si occupa dei dettagli. Così rimane inconcludente.

Il problema è lo stesso, per tutti, e forse è anche il TUO problema: se manca la meta, manca il motivo per impegnarsi.

Ti illudi che “tirare avanti” sia la risposta, ti esalti per 5 minuti quando immagini di fare qualcosa, ma poi, all’atto pratico, siccome non hai una meta, i 5 minuti passano e tu rimani lì. Deluso.

Il problema è evidente: c'è, è lì, ma non lo vedi. Come un guerriero ninja che esce dal buio all'improvviso e ti attacca. È arrivato lì ma tu non l'avevi visto. Così, quando appare, ti spaventi.

Che cosa
si può fare?

Questa è la domanda che mi pongo ogni giorno. Anche perché circa 4.000 persone ogni giorno me la pongono. In che senso?

Scusa, non mi sono presentato: mi chiamo Mario Robecchi, sono un life coach, cioè un “allenatore per vivere” (in inglese, “life” significa “vita”, “coach” significa “allenatore”).

Il mio lavoro consiste nell’aiutare le persone a fare chiarezza nella propria vita: le storie di Enzo, Anna, Andrea, Monica sono storie vere (ovviamente ho cambiato i nomi, per motivi di riservatezza). Aiuto a capire cosa è importante, e cosa conviene fare per realizzarlo.

Ogni giorno più di 4.000 persone visitano il mio sito, leggono i miei oltre 800 articoli originali e guardano gli oltre 800 video che ho creato io (li trovi nel mio blog).

Tutte quelle persone hanno una domanda:

“Che cosa faccio a questo punto della mia vita?”

Arriva per tutti un momento in cui… “crolla la facciata”. Fino a ieri ti sembrava di poter reggere, e poi, … bum! Crollano le sicurezze. E se prima non avevi pensato al Piano B, la situazione è difficile.

Ecco perché io consiglio, sempre, a tutti, di capire bene che cosa mantiene in vita, e come organizzarsi per garantirselo, nonostante l’incertezza e la fragilità dell’esperienza umana.

Nessuno si può permettere di rimanere spiazzato all’improvviso.

Ma sai qual è la cosa più assurda?

La cosa più assurda
(che peggiora la situazione)

La cosa più assurda è non pensare alla propria vita.

È (come dico io) “illudersi che vivere sia qualcosa di … automatico, come respirare”. Non è così. Vivere è impegnativo. Occorre prepararsi. Non c’è nulla di automatico e nemmeno di garantito, per realizzare la tua felicità.

E qui le cose si complicano: nella mia esperienza di life coach sono in contatto, ogni giorno, con svariate decine di persone, di ogni età, di ogni condizione sociale, che da una parte cercano di realizzarsi, ma dall’altra parte sono così prese dalla routine SBAGLIATA che non sanno crearsi delle alternative.

Un po’ come Anna, che lavora controvoglia ma non si crea una nuova professionalità.

Un po’ come Andrea, che è occupato 14 ore al giorno e non ha tempo per avere più tempo!...

Un po’ come Enzo, che elenca cose che non farà mai, e un po’ come Monica, che non conclude.

Intendiamoci: NON è che Anna, Andrea, Enzo, Monica siano “scemi”… Anzi: è vero IL CONTRARIO. Quelle persone sono SOPRA LA MEDIA. Infatti notano la propria insoddisfazione.

(Chi è scemo, subisce senza fiatare: non è di quella gente che mi occupo.)

Invece, chi sta male, è sopra la media: è vivo, ragiona, ha voglia di fare, MA …

… ma la cosa più assurda è che CON I RITMI ATTUALI, non si vede una via d’uscita: già, questo rende il tutto ancora più complicato. E più assurdo.

Il problema è che ogni giorno, da quando ci svegliamo, a quando andiamo a dormire, riceviamo MIGLIAIA di messaggi (sotto forma di notiziari, pubblicità, pettegolezzi) CHE “INCOLLANO” LA NOSTRA ATTENZIONE SOPRA SCIOCCHEZZE, e il risultato è che sprechiamo tempo. Cioè, sprechiamo la nostra vita.

Quando, da life coach, parlo con Enzo, Anna, Andrea, Monica, e con centinaia di altre persone che sono infelici come loro, perché non si realizzano, io CAPISCO che non hanno tempo, e che sono troppo stanche, per affrontare un discorso globale, a proposito della meta nella vita.

Capisci il punto?

Raggiungere la vetta quando non si vede
nemmeno la montagna

È come cercare di scalare una montagna senza vederla nemmeno: la montagna, la vetta da raggiungere, è la tua realizzazione. Ma non vedi la montagna perché c’è nebbia, e non sai da che parte iniziare!

(In questa metafora, la “nebbia” sono tutte le informazioni inutili, le aspettative senza basi, le delusioni del passato, che rallentano la mente e la bloccano del tutto).

Così mi sono detto: “Come posso aiutare queste persone a trovare la loro via, USANDO QUEL POCO DI ENERGIE E DI TEMPO che hanno a disposizione?”

Con questa precisa domanda in testa, ho creato UN APPROCCIO NUOVO per mettere chiarezza nella vita, eliminare “la nebbia” (mentale), e ritrovare lo slancio, da indirizzare (finalmente) verso la propria meta!

Spiego questo approccio nel prodotto che vedi qui sotto:

Ritrova lo slancio!
Come rinnovare la tua vita
con equilibrio e coraggio

Si tratta di un report in formato pdf, facile da leggere, ricco di spunti, che considera tutto quanto ti ho detto qui sopra.

L’ho creato pensando a tutti i problemi di Enzo, Anna, Andrea, Monica, e delle migliaia di persone che ogni giorno mi chiedono: “Che cosa faccio a questo punto della mia vita?

A questo punto, dico io, usi il tempo che hai adesso, e la forza che hai adesso, per attivare una strategia intelligente, che ti risolleva dalla condizione in cui ti trovi, e che ti porta ad un più alto livello di consapevolezza, così, da lì, vedi la tua meta, e ti torna la voglia di vivere e di agire.

In particolare, in questo report trovi spiegato:

Ma aspetta, non ho finito:
ho un REGALO per te

Questo report è “puro valore al 100%”: compatto, pratico, lo usi immediatamente. Segui le indicazioni pratiche e ti costruisci una via d’uscita dallo stress opprimente.

Quindi, ti sto proponendo una soluzione davvero interessante, MA VOGLIO FARE DI PIÙ, e infatti aggiungo GRATIS UN ALTRO REPORT:

Mente serena subito
Come smontare lo stress
in meno di 2 minuti

Questo secondo report è il complemento perfetto per il tuo programma di rinascita che attivi con il primo report.

Infatti, qui scopri:

Quanto
costa?

Ecco la “solita” domanda, sbagliata: non è un costo, bensì un investimento.

Qual è la differenza tra “costo” e “investimento”?

Questa:

“costo” = soldi buttati via (esempio: le sigarette, che ti rovinano pure)

“investimento” = soldi che ritornano accresciuti (esempio: l’istruzione, che ti qualifica).

Per avere il report + il report in omaggio, investi in tutto … 7 EURO.

Tutto qui.

Ti puoi permettere di investire 7 euro per ritrovare lo slancio e non perderlo più?

Secondo me sì.

Di sicuro, 7 euro li hai. Di sicuro, questi 2 prodotti valgono di più.

Non sono sicuro, invece, che tu abbia veramente la percezione del tuo problema. Conosco migliaia di individui che subiscono senza fiatare, e sdegnosamente rifiutano di investire 7 euro per vivere meglio: li capisco, loro sono fatti per subire, quindi mai vorrebbero migliorare.

Ma tu sei diverso: se hai seguito con attenzione le storie di Enzo, Anna, Andrea, Monica e ti è sembrato che somiglino un poco a quanto vivi tu, allora non ci sono dubbi: questi 2 prodotti, al prezzo di appena 7 euro, sono l’investimento giusto per te.

Clicca e scarica i 2 prodotti:

Sì, voglio il Report + il Report in Omaggio, al ridicolo prezzo di appena 7 euro

Questi prodotti sono digitali, non fisici: cioè non sono oggetti che ti vengono spediti a casa tramite un corriere. Sono files, che non ti vengono inviati tramite posta elettronica: li trovi nella tua Area Riservata, a cui accedi usando i dati da te indicati al momento dell'acquisto. Il pagamento viene interamente gestito da PayPal, leader mondiale nella sicurezza delle transazioni online, che si occupa della gestione dei tuoi dati, secondo le norme vigenti.

Risposte alle 2 obiezioni
più frequenti

So che è FOLLE obiettare che non si possono investire 7 euro per avere questi 2 prodotti che risolvono una serie di problemi urgenti che ti costano MILIONI DI EURO (considera quanto NON guadagni semplicemente perché sei perso nei problemi, come Monica, la creativa svagata, e Andrea, l’imprenditore che lavora 14 ore al giorno, sopporta molti rischi, e porta a casa uno “stipendio” appena sufficiente per campare).

So che è ASSURDO non cliccare sul pulsante, ma … te l’ho detto: ci sono persone che dubitano, e allora rispondo alle loro 2 domande più frequenti a riguardo:

“Questo tuo approccio magicamente mi risolve tutti i problemi?”

No. Se aspetti la magia di Babbo Natale, ho una brutta notizia per te: questo approccio non vive al posto tuo, non prende decisioni al posto tuo, e non corregge i tuoi errori. Invece, quanto impari qui ti porta a riflettere su cosa ti conviene fare: dopo aver letto e APPLICATO i consigli che ti passo, tu sarai in grado di decidere se aspettare Babbo Natale oppure se cominciare a vivere sul serio. La scelta è tua. Questo approccio non si sostituisce a te.

“Posso pensarci qualche mese?”

No. La vita richiede velocità. Quando hai una buona idea, devi realizzarla subito. Quando incontri un ostacolo, devi superarlo subito. Quando devi imparare, inizia a imparare subito. I casi sono due: o non hai alcun problema vero (meglio per te!) oppure hai una situazione da risolvere e vorresti rimandare perché sei abituato a vivere sotto tono. In questo caso, agisci subito, e clicca sul pulsante giallo. Investi 7 euro e avvia la tua svolta. (Con in più il secondo report in omaggio).

Sì, voglio il Report + il Report in Omaggio, al ridicolo prezzo di appena 7 euro

Ricapitoliamo
che cosa ti offro:

Sì, voglio il Report + il Report in Omaggio, al ridicolo prezzo di appena 7 euro

Adesso sai cosa fare per ritrovare lo slancio: clicca sul pulsante giallo, comincia da lì.

 

Luminosamente

Il tuo amico e life coach

Mario

Norme a tutela della tua privacyDichiarazione di limitata responsabilità
Contatti: info @ comelavitaquandotisorride.com